Alzheimer lieve: Risultati della terapia con Adattamento Prismatico e Serious Games

Risultati dell'abbinamento neuromodulazione + serious games nell'Alzheimer lieve

Sommario

Il morbo di Alzheimer è una delle più diffuse malattie neurodegenerative che colpisce in Italia oltre un milione di persone. La ricerca di cure è lunga e complessa – molta ricerca si focalizza perciò su come rallentare la perdita di facoltà cognitive quando la malattia è ancora parzialmente “sotto controllo”.

In questo blog abbiamo parlato spesso di adattamento prismatico – una tecnica di neuromodulazione che va ad agire in maniera non invasiva sulla naturale plasticità del cervello – e di serious games – speciali esercizi a metà tra apprendimento e intrattenimento in grado di far esercitare specifiche funzioni cognitive come la memoria e l’attenzione. Possono questi due strumenti terapeutici – entrambi al cuore di MindLenses Professional e già utilizzati nel recupero post-ictus, nei traumi cranici e nell’ADHD – essere utili anche a chi soffre di Alzheimer, quantomeno in forma lieve?

Questa la domanda oggetto di uno studio (in collaborazione con l’Università di Palermo) presentato la scorsa settimana dai nostri Agnese Di Garbo e Gabriele Chiaramonte a SINdem4Juniors, la conferenza organizzata dall’ala under 40 della SINdem (Associazione Autonoma aderente alla Società Italiana di Neurologia per le Demenze).

Lo studio mostra che un ciclo terapeutico con adattamento prismatico e serious games migliora alcuni tratti del deficit cognitivo nell’Alzheimer lieve, in particolare la fluenza fonologica – uno dei primi ad essere compromessi dalla malattia, legato non solo al linguaggio ma anche alle funzioni esecutive.

Scarica il poster presentato alla conferenza QUI.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli che ti possono interessare

Comments are closed.