Come Valutare E Riabilitare l’ADHD?

Riabilitazione ADHD bambini

Sommario

L’ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) o Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività è un disturbo del neurosviluppo molto comune. Si manifesta nell’infanzia con disattenzione, comportamenti iperattivi e impulsivi. In molti casi, continua ad essere presente anche in età adulta, causando problemi a livello sociale, scolastico e lavorativo. Continua a leggere per scoprire come valutare e riabilitare l’ADHD!

riabilitazione ADHD

Quali sono i sintomi?

I sintomi tipici dell’ADHD sono disattenzione, l’iperattività e l’impulsività, presenti per almeno 6 mesi. Il caso classico è il bambino che, rispetto ai propri coetanei, ha difficoltà a rimanere attento o a mantenere l’attenzione su un compito per un periodo di tempo prolungato. Questi bambini possono muovere continuamente le gambe, agitare le mani, parlare impulsivamente e dimenticare cosa hanno appena imparato. In aggiunta, sembrano spesso disorientati e passano da un’attività a un’altra senza completarne nessuna, faticando a pianificare l’esecuzione dei compiti.

L’aspetto della pianificazione e dell’organizzazione vi suona familiare? Ne abbiamo parlato riguardo alle funzioni esecutive, che gestiscono la pianificazione, il controllo e l’organizzazione del comportamento. Del loro coinvolgimento ne parliamo nel prossimo paragrafo!

Quali sono le funzioni cognitive coinvolte?

Le funzioni esecutive possono essere compromesse nell’ADHD. In particolare, questo ha effetto sull’inibizione e sulla pianificazione, sintomi che ritroviamo nei profili di ADHD. Un’altra funzione coinvolta è la working memory. Questa permette di mantenere e manipolare le informazioni ed è spesso deficitaria nell’ADHD. A livello di cerebrale, anche il circuito dopaminergico della ricompensa e della motivazione è alterato. L’alterazione di questo sistema complica ulteriormente il tutto.

Come si svolge la valutazione?

La diagnosi dell’ADHD si basa sulla gravità, frequenza e numero dei sintomi. Sono stati sviluppati tre profili a seconda della combinazione dei tre sintomi tipici disattenzione, iperattività e impulsività:

  1. Il profilo inattentivo: è caratterizzato da almeno 6 sintomi di inattenzione, presenti da 6 mesi, ma meno sintomi di iperattività e impulsività. Questo è il profilo più comune. Spesso si osserva una perdita di interesse nei confronti delle attività svolte e sonnolenza. 
  2. Il profilo iperattivo/impulsivo: al contrario del precedente, sono presenti almeno sei sintomi di iperattività e impulsività sempre da 6 mesi, ma meno sintomi di inattenzione. É caratterizzato da iperattività, disinibizione e disorganizzazione.
  3. Il profilo combinato: presenta le caratteristiche di entrambi i profili. Il soggetto è facilmente distratto da stimoli esterni e ha difficoltà nella pianificazione. Sia nel profilo combinato, che in quello iperattivo/impulsivo, sono coinvolte le funzioni esecutive!

Per la valutazione si utilizzano test neuropsicologiciLa BIA (Batteria Italiana per l’ADHD) è uno dei test più usati. É composta da diverse prove che valutano la presenza di sintomi di disattenzione, impulsività e capacità di inibire la risposta automatica.

adhd

Come funziona il trattamento?

I bambini vengono trattati sia con terapia farmacologica, sia con interventi comportamentali, quindi di riabilitazione. Per alcuni i farmaci sono indispensabili per alleviare i sintomi, i quali vengono utilizzati per stimolare il circuito della motivazione e della ricompensa. Per altri è sufficiente la terapia comportamentale. Il trattamento va progettato partendo dalle caratteristiche del bambino, quindi dalla valutazione svolta.

E la riabilitazione?

In molti casi è utile coinvolgere i genitori nel trattamento. In questo modo aumenterà la loro consapevolezza del disturbo e avranno degli strumenti in più per comunicare con i figli. Per il bambino è molto importante vivere in un clima sereno, con limiti e confini precisi. Inoltre, è importante insegnare al bambino strategie che lo aiutino nella pianificazione del comportamento. Un altro aspetto fondamentale è la formazione degli insegnanti sul disturbo dell’ADHD. Gli insegnanti dovrebbero tenere in considerazione le necessità e i bisogni del bambino. Soltanto in questo modo si potranno potenziare le sue capacità attentive e di apprendimento.

Molti interventi si basano sul potenziamento delle funzioni esecutive, della working memory e dell’attenzione. Tra le terapie digitali, la stimolazione cognitiva digitale che coinvolge più funzioni contemporaneamente, mostra effetti più significativi. MindLenses Professional, combinando i Serious Game con l’adattamento prismatico, è un ottimo dispositivo per la riabilitazione dell’ADHD. L’adattamento prismatico agisce sull’organizzazione spazio-temporale, una componente importante della disorganizzazione esecutiva tipica dell’ADHD. Attraverso i Serious Games è possibile riabilitare più funzioni cognitive nella stessa sessione. La presenza di feedback continui durante i giochi, permette di mantenere alta la motivazione, altra difficoltà riscontrata nell’ADHD. Inoltre, i giochi proposti sono molto apprezzati dai pazienti più piccoli! 

Se anche tu lavori in un centro che si occupa di riabilitazione neurologica, contattaci! Parleremo insieme di come portare MindLenses nella tua struttura.

Scopri MindLenses come protocollo completo per la valutazione cognitiva

Bibliografia sulla valutazione e sulla riabilitazione dell’ADHD

Capodieci A. (2017). L’uso delle scale di valutazione per l’identificazione dei casi con ADHD: il confronto tra la rilevazione in base a punteggi di gravità, cut-off e sintomi. Psicologia clinica dello sviluppo. pp. 277-290.

Carbonneau M. L., Demers M., Bigras M., Guay M. (2021). Meta-Analysis of Sex Differences in ADHD Symptoms and Associated Cognitive Deficits. Journal of Attention Disorders.

Holland J., Sayal K. (2019). Relative age and ADHD symptoms, diagnosis and medication: a systematic review. European Child & Adolescent Psychiatry. Volume 28, pages 1417–1429.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli che ti possono interessare

Comments are closed.